Ancestrale richiamo

 Legno di mare nel selvaggio rigoglio di sole.
 La ghiaia scricchiola passi di orme fugaci.
 La brezza fredda insinua la carezza del sole,
 la fessura degli occhi scherma il riflesso marino,
 deserto di pace.
 Chiuso nel grembo sicuro,
 senza insidie e pericoli,
 lontana l'umanità avara.
 Il tronco desolato,
 relitto d'albero sradicato,
 scultura come riccio marino,
 invoca radici al cielo nel morbido silenzio d'aria.
 Svanisce la riva,
 di sua tenerezza scopre l'eremo di verdi chiome fiorite,
 nidi di rondini, ali di primavera.
 La sagoma come un utero dormiente,
 ponte fra terra e mare,
 bacio di luna nell'ancestrale richiamo.
 Cesti di rami, la sera nel camino,
 nicchie di casa.
 La brace irradia calore, dai piedi risale alla testa,
 un soffio di piume.
 Io solitario, il respiro l'unico rumore,
 scricchiolio di pietre, echi attutiti,
 bisbigli d'amore, fantasmi dell'animo.
   Enzo Tafuri
  
   

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...